sabato 26 settembre 2020

 

   Fichi Bianchi cotti del Cilento 






      Fichi Bianchi Cotti del Cilento

   " Il Sole del Cilento "

   Confezione da 250 g

  Gruppo Fabbrocino srl 


I fichi secchi o cotti sono un prodotti tipico del meridione , molto diffuso in Campania ed in particolar modo nella Costiera Cilentana (Salerno)

Si ottengono facendo essiccare al sole i fichi freschi, maturi, sani e appena raccolti. I fichi secchi sono sono delicati, dolci, golosi e piacciono proprio a tutti. Il consiglio è di mangiare i fichi freschi e di approfittarne quando è la stagione; ma grazie a questo procedimento è possibile  offrire i fichi secchi anche a Natale. I fichi freschi  sono ricchi di acqua che in parte perdono con l’essiccazione e di conseguenza acquisiscono più saccarosio e glucosio e, nota dolente, hanno un apporto calorico maggiore.



www,gruppofabbrocino.com

 .

venerdì 25 settembre 2020



              La Soppressata



I Salumi del

 "Contadino Antonio"

                           Marchio

               Gruppo Fabbrocino srl

Oggi vi proponiamo un prodotto tipico Italiano 

La Soppressata è un particolare tipo di salume riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale italiano molto diffuso nelle  Regioni del Sud BasilicataPuglia[1]CalabriaAbruzzoMolise e   Campania


Storia 

Il nome Soppressata deriva dall'azione di pressione della carne e viene compiuta durante la fase di essiccazione, dandogli una forma appiattita.

La carne utilizzata è di puro suino macellata fresca, mediante la tecnica definita "punta di coltello", un taglio grossolano che consente alla carne di rimanere molto compatta e mantenere così una peculiare integrità organolettica. La soppressata è preparata con una selezione di tagli nobili di prosciutti, spalle e rifili di pancetta e lardo tenero (questi ultimi, in particolare, vengono utilizzati allo scopo di "ammorbidire" la carne utilizzata, normalmente troppo magra per poter essere utilizzata da sola), anche se esistono delle varianti fatte con carne bovina.

La carne così tagliata viene poi condita semplicemente con sale, grani di pepe interi (eventualmente "ravvivati", poco prima, mediante una leggera pestatura in mortaio), e peperone essiccato in polvere. Successivamente, viene infilata in un budello che, se naturale, va pulito scrupolosamente con sale e limone, e viene legata con spago per compattarne il contenuto. La soppressata viene poi lasciata ad essiccare, al buio, dalle 3 alle 12 settimane, a seconda del diametro, perdendo il 30% del suo peso originario.

L'essiccazione ottimale va fatta ad umidità e temperatura controllata (un innalzamento repentino della temperatura può provocare il "buco" all'interno del salume, e rovinarne alcune peculiari caratteristiche), per questo motivo nelle zone di produzione della soppressata si è soliti prepararla d'inverno: una stanza fredda infatti, debitamente munita di camino, può essere all'occorrenza deumidificata e riscaldata nelle giornate troppo fredde e umide, e lasciata raffreddare rapidamente nel naturale rigore invernale, dopo una delle rare giornate di sole. Dopo l'essiccazione, la soppressata viene generalmente conservata in barattoli con olio d'oliva. Varianti della preparazione descritta sono una leggera affumicatura, e la conservazione (raro per questo prodotto, più consueto per il salame pezzente) nella "sugna" fresca di maiale.


                                                            Salumi Gruppo Fabbrocino srl

 GRUPPO FABBROCINO SRL, İTALYA'DA ÜRETİLEN GIDA GENİŞ TÜKETİM ÜRÜNLERİ, MAKARNA, ŞARAP, YAĞ, KURUTULMUŞ ETLER, ARTISANAL BİRA, CILENTO İ...